Linee guida per l’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento e di condizionamento d’aria

Linee guida per impianti di riscaldamento e condizionamento oltre 100 kW.

Download allegati:

Descrizione

La direttiva 2010/31/EU disciplina la prestazione energetica degli edifici ed ha come obiettivo il miglioramento della stessa. In attuazione della legge provinciale 13/1997, riguardante appunto l’attuazione delle direttive 2010/31/UE e 2009/28/CE, la giunta provinciale della provincia autonoma di Bolzano ha approvato (deliberazione 1344/2017) le Linee guida per l’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento e di condizionamento d’aria.

Le linee guida, applicabili all’intero territorio nazionale, disciplinano le modalità di controllo dell’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento e di condizionamento d’aria e riguardano gli impianti con potenza nominale superiore a 100 kW. Forniscono, inoltre, le definizioni ai fini dell’applicazione dei criteri indicati, nonché le indicazioni per la redazione del rapporto di efficienza energetica.
Scopo delle linee guida è garantire un elevato grado di efficienza degli impianti di riscaldamento e di condizionamento d’aria e ridurre, quindi, il consumo di energia e l’emissione di CO2. Per migliorare l’efficienza energetica degli edifici devono essere sottoposti ad un controllo regolare dell’efficienza energetica: almeno ogni 2 anni.
In particolare, sono soggetti al primo controllo entro il 1° gennaio 2018 gli impianti di riscaldamento e di condizionamento d’aria con una potenza nominale utile totale superiore a 100 kW.
Per il controllo dell’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento i criteri da seguire sono:

• fare verificare da esperti qualificati indipendenti il rendimento della caldaia e il suo dimensionamento rispetto al fabbisogno termico dell’edificio, nonché le parti accessibili dell’impianto
• verificare anche il rispetto delle disposizioni sul rilevamento del consumo effettivo e sulla contabilizzazione del fabbisogno energetico per riscaldamento e acqua calda sanitaria
• eseguire almeno ogni 2 anni i controlli dell’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento
• controllare l’efficienza energetica, in caso di installazione di un nuovo impianto di riscaldamento, al momento della messa in esercizio
• non eseguire la valutazione del dimensionamento della caldaia se, dopo la messa in esercizio o dopo l’ultimo controllo, il fabbisogno termico dell’edificio è rimasto invariato, ossia non sono state apportate       modifiche sostanziali all’impianto di riscaldamento

Per quanto riguarda, invece, il controllo dell’efficienza energetica degli impianti di condizionamento d’aria si ha che:
• deve essere verificato il rendimento dell’impianto e il suo dimensionamento rispetto al fabbisogno per il raffrescamento dell’edificio, nonché le parti accessibili dell’impianto, da parte di esperti qualificati indipendenti
• deve essere verificato anche il rispetto delle disposizioni sul rilevamento del consumo effettivo e sulla contabilizzazione del fabbisogno energetico per raffrescamento
• devono essere eseguiti almeno ogni 2 anni i controlli dell’efficienza energetica degli impianti di condizionamento d’aria
• deve essere eseguito al momento della messa in esercizio il controllo dell’efficienza energetica in caso di installazione di un nuovo impianto di condizionamento d’aria
• non deve essere eseguita la valutazione del dimensionamento dell’impianto se, dopo la messa in esercizio o dopo l’ultimo controllo, non sono state apportate modifiche sostanziali all’impianto di   condizionamento, ossia se il fabbisogno di raffrescamento dell’edificio è rimasto invariato

Dopo il controllo dell’efficienza energetica, sia dell’impianto di riscaldamento che di condizionamento, deve essere redatto da parte di esperti qualificati indipendenti il rapporto di efficienza energetica contenente i risultati del controllo effettuato e le raccomandazioni atte a migliorare il rendimento energetico dal punto di vista economico. Il rapporto deve essere consegnato al gestore dell’impianto, il quale lo deve conservare insieme al libretto di impianto fino al controllo successivo.

Informazioni aggiuntive

  • Fonte: Provincia di Bolzano
  • Anno di pubblicazione: 2017

Articoli correlati (da tag)

Tag

231 9001 Acari Aeroporti Agenti Cancerogeni Agenti Microbiologici Agenti Mutageni Agenzie Ambientali Agevolazioni Fiscali AIA Alimentazione Allevamenti Ambiente Ambienti Confinati Amianto Ancoraggi Antincendio Apparecchi di Sollevamento Ascensori ASPP ATEX Atmosfere Esplosive Attività Motoria Attrezzature Autocarrozzerie Autofficine Autovalutazione Biocidi Biomasse Bonifica Buone Prassi Cadute dall'Alto Cadute in piano Caldaie Calore Campi Elettromagnetici Cancerogeni Cantiere Stradale Cantieri Temporanei Cantine Carrelli Cavi Elettrici CEI CEM Check List Chimici CLP Coordinatore Sicurezza CSE Datore di Lavoro Detrazioni Direttiva Macchine Dirigenti e Preposti Dispositivi Protezione Dispositivi Protezione Collettiva DPI DUVRI Ecolabel Edifici Edilizia Efficientamento EMAS Energia Ergonomia Esplodenti Fitodepurazione Formazione Fosse Biologiche Frantoi Fresatrici Fumo Gas Generatori Calore Gestione Emergenze Gru a torre Gru su Autocarro Guanti Guida ICT Idrocarburi Illuminazione Impatto Ambientale Impianti Impianti Elettrici Impianti Termici Incendio Indoor Informazione Infortuni Inquinamento Indoor Interpello Laboratori Lavanderie Lavoratori Lavorazione legno Lavori Temporanei in Quota Legionellosi Legislazione Legno Linee Guida Macchine Agricole Macchine e attrezzature Macelli Microclima Misure di Protezione MMC MOG Monossido di carbonio Motori Motosega Movarisch Mutageni Navi Normativa Norme Tecniche Pannelli Fotovoltaici Parapetti Parassiti Particolato Perforatrici Pesticidi Piattaforme PLE Polveri Ponteggi Postazioni di Lavoro Preposto Pressione Prestazione Energetica Prevenzione Incendi Primo Soccorso Procedure Procedure Standardizzate Radiazioni Ionizzanti Radiazioni Ottiche Artificiali Radon REACH Reati Ambientali Reti Rifiuti Riqualificazione Riscaldamento Rischi Ambientali Rischi Fisici Rischi Incidenti Rilevanti Rischi Meccanici Rischio Biologico Rischio Chimico Rischio Elettrico Rischio Esplosione Rischio Scivolamento Ristoranti Ristrutturazioni RLS ROA RSI RSPP Rullo Compattatore Rumore Scale Scavi Schede Dati Sicurezza Scuole SDS Seghe Seghe a nastro Segnaletica di Sicurezza Serbatoi Settore Agricoltura Settore Alberghiero Settore Alimentare Settore Commercio Settore Edile Settore Falegnamerie Settore GDO Settore Industriale Settore Marittimo Settore Metalmeccanico Settore Pirotecnico Settore Pulizie Settore Sanitario Settore Tessile Settore Turistico Settore Uffici Seveso SGSL Sistema Gestione Sistemi Anticaduta Sistemi di Estrazione Sistemi di Gestione Siti Contaminati SLC Smerigliatrici Software Sollevatori Sorveglianza Sanitaria Sovraccarico Biomeccanico Stampanti Stress Lavoro Correlato Strutture Sanitarie Testo Unico Toolkit Trattori Agricoli Trattori Forestali Troncatrice Uffici Umidità e muffe UNI Valutazione Rischi Vapori VAS Vasche VDT Verifiche periodiche VIA Vibrazioni Videoterminale