La riparazione delle scaffalature mediante raddrizzamento dei montanti danneggiati

Documento per la verifica strutturale delle scaffalature industriali per pallet e a ripiani danneggiate

Download allegati:

Descrizione

La progettazione strutturale delle scaffalature industriali per pallet e a ripiani non ipotizza danni sui componenti fondamentali come montanti, travi, ripiani e controventature dovuti a errori di manovra. Si vedano in proposito i seguenti riferimenti: EN 15512, FEM 10.2.06, FEM 10.2.07, FEM 10.2.09.

Pertanto è essenziale mantenere la scaffalatura in buone condizioni. Ispezioni regolari sono richieste dal fornitore e ricadono tra le responsabilità del cliente utilizzatore. Un danno classificato come ROSSO impone lo scarico della scaffalatura, mentre un danno classificato come GIALLO impone di scaricare gradualmente la scaffalatura (e non ricaricarla) in un tempo massimo di 4 settimane.

Per quanto riguarda le responsabilità dell’utilizzatore che opera con le scaffalature, si deve fare riferimento alla norma EN 15635, in particolare al punto 9.2 e al documento “ERF Information Bulletin No 1”. La classificazione del danno e la procedura delle possibili azioni per recuperare un danno sono descritte nella EN 15635.

Con riferimento alla riparazione di componenti danneggiati, proprio la norma EN 15635 stabilisce: 9.2 ... normalmente per mezzo della sostituzione del componente danneggiato con parti identiche prodotte dallo stesso Fornitore. 9.7.1 ... La riparazione di componenti danneggiati non deve essere permessa a meno che non sia esplicitamente approvata dal fornitore della scaffalatura.

I componenti danneggiati devono essere sostituiti piuttosto che riparati, poiché è difficile applicare un effettivo controllo di qualità sui profili deformati a freddo. Agire in accordo con le indicazioni ricevute dall’Industria aiuta ad assicurare l’integrità della scaffalatura, così come prescritto dal fornitore originale. Inoltre, l’utilizzatore finale è responsabile per la sicurezza dei suoi dipendenti e della sicurezza del luogo di lavoro per i suoi visitatori e i suoi fornitori e sub-fornitori.

Informazioni aggiuntive

  • Fonte: AISEM ANIMA
  • Anno di pubblicazione: 2016

Articoli correlati (da tag)

Tag

231 9001 Abitazioni Acari Adempimenti Aeroporti Agenti Cancerogeni Agenti Microbiologici Agenti Mutageni Agenzie Ambientali Agevolazioni Fiscali AIA Alimentazione Allevamenti Ambiente Ambienti Confinati Amianto Ancoraggi Antincendio Apparecchi di Sollevamento Ascensori ASPP ATEX Atmosfere Esplosive Attività Motoria Attività Ricettive Attività Scolastiche Attrezzature Autobetoniere Autocarrozzerie Autofficine Autorimesse Autovalutazione Benzene Biocidi Biogas Biologici Biomasse Bonifica BPR Buone Prassi Cadute dall'Alto Cadute in piano Caldaie Caldo Calore Campi Elettromagnetici Cantiere Stradale Cantieri Temporanei Cantine Carrelli Cavi Elettrici CEI CEM Certificazione Energetica Cestelli Check List Chimici CLP Comparto Vinicolo Composti Organici Volatili Conto Termico Coordinatore Sicurezza Coperture COV CSE Cucine Datore di Lavoro Defeating Detergenti Detrazioni Direttiva Macchine Dispositivi Protezione Dispositivi Protezione Collettiva Docet DPI DUVRI Ecolabel Edifici Edilizia Efficientamento Elevatore a Bandiera Elmetti EMAS Energia Ergonomia Esplodenti Fabbisogno Fibre Minerali Sintetiche Fitodepurazione Fonderie Foratrici Formazione Fosse Biologiche Frantoi Fresatrici Fumo Fumo di Tabacco Funi Gas Generatori Calore Gestione Emergenze GPP Gru a torre Gru su Autocarro Guanti Guida ICT Idrocarburi Imbracature Impatto Ambientale Impianti Impianti Elettrici Impianti Solari Impianti Termici Incendio Indoor Infestazioni Informazione Infortuni Inquinamento Indoor Insetticidi Laboratori Lavanderie Lavoratori Lavorazione legno Lavori Temporanei in Quota Legionellosi Legislazione Legno Leptospirosi Linee Guida Macchine Agricole Macchine CNC Macchine e attrezzature Macelli Microclima Misure di Protezione MMC MOG Monossido di carbonio Motocoltivatori Motori Motosega Motozappatrici Navi Nebbie Nonilfenoli Normativa Norme Tecniche Ordigni Ossido e biossido di azoto (NOx e NO2) Palchi Pannelli Fotovoltaici Parapetti Parassiti Particolato Perforatrici Pesticidi Piallatrici Piattaforme PIMUS Pittogrammi PLE Polveri Ponteggi Postazioni di Lavoro Pressione Prestazione Energetica Prevenzione Incendi Primo Soccorso Procedure Procedure Standardizzate Quadri Elettrici Raccoglifrutta Radiazioni Ionizzanti Radiazioni Ottiche Artificiali Radon REACH Reati Ambientali Refendini Reti Rifiuti Riqualificazione Riscaldamento Rischi Ambientali Rischi Fisici Rischi Incidenti Rilevanti Rischi Meccanici Rischio Biologico Rischio Chimico Rischio Clinico Rischio Elettrico Rischio Esplosione Rischio Macchine Rischio Scivolamento Ristoranti Ristrutturazioni RLS ROA RSPP Rullo Compattatore Rumore Scaffalature Scale Scariche atmosferiche Scavi Schede Dati Sicurezza Scuole SDS Segatronchi Seghe Seghe a nastro Seghe Circolari Segnaletica di Sicurezza Serbatoi Settore Acconciatura Settore Agricoltura Settore Alberghiero Settore Alimentare Settore Artigianato Settore Bancario Settore Commercio Settore Edile Settore Energia Settore Falegnamerie Settore GDO Settore HORECA Settore Industriale Settore Macellazione Settore Marittimo Settore Metalmeccanico Settore Pulizie Settore Rifiuti Settore Sanitario Settore Spettacolo Settore Tessile Settore Turistico Settore Volontariato Seveso SGQ SGSL Silos Sistema Gestione Sistemi Anticaduta Sistemi Combinati Sistemi di Estrazione Sistemi di Gestione Siti Contaminati SLC Smerigliatrici Software Sollevatori Sovraccarico Biomeccanico Spore Stress Lavoro Correlato Strutture in Acciaio Strutture Sanitarie Taglialaterizi Tagliasfalto a disco Testo Unico Toolkit Trasmittanza Trattori Agricoli Trattori Forestali Troncatrice Uffici Umidità e muffe UNI Valutazione Rischi Vapori VAS Vasche Verifiche periodiche VIA