La riparazione delle scaffalature mediante raddrizzamento dei montanti danneggiati

Documento per la verifica strutturale delle scaffalature industriali per pallet e a ripiani danneggiate

Download allegati:

Descrizione

La progettazione strutturale delle scaffalature industriali per pallet e a ripiani non ipotizza danni sui componenti fondamentali come montanti, travi, ripiani e controventature dovuti a errori di manovra. Si vedano in proposito i seguenti riferimenti: EN 15512, FEM 10.2.06, FEM 10.2.07, FEM 10.2.09.

Pertanto è essenziale mantenere la scaffalatura in buone condizioni. Ispezioni regolari sono richieste dal fornitore e ricadono tra le responsabilità del cliente utilizzatore. Un danno classificato come ROSSO impone lo scarico della scaffalatura, mentre un danno classificato come GIALLO impone di scaricare gradualmente la scaffalatura (e non ricaricarla) in un tempo massimo di 4 settimane.

Per quanto riguarda le responsabilità dell’utilizzatore che opera con le scaffalature, si deve fare riferimento alla norma EN 15635, in particolare al punto 9.2 e al documento “ERF Information Bulletin No 1”. La classificazione del danno e la procedura delle possibili azioni per recuperare un danno sono descritte nella EN 15635.

Con riferimento alla riparazione di componenti danneggiati, proprio la norma EN 15635 stabilisce: 9.2 ... normalmente per mezzo della sostituzione del componente danneggiato con parti identiche prodotte dallo stesso Fornitore. 9.7.1 ... La riparazione di componenti danneggiati non deve essere permessa a meno che non sia esplicitamente approvata dal fornitore della scaffalatura.

I componenti danneggiati devono essere sostituiti piuttosto che riparati, poiché è difficile applicare un effettivo controllo di qualità sui profili deformati a freddo. Agire in accordo con le indicazioni ricevute dall’Industria aiuta ad assicurare l’integrità della scaffalatura, così come prescritto dal fornitore originale. Inoltre, l’utilizzatore finale è responsabile per la sicurezza dei suoi dipendenti e della sicurezza del luogo di lavoro per i suoi visitatori e i suoi fornitori e sub-fornitori.

Informazioni aggiuntive

  • Fonte: AISEM ANIMA
  • Anno di pubblicazione: 2016

Articoli correlati (da tag)